Antifurti per casa Cagliari

Home » Blog » Detrazioni fiscali per impianti antifurto: il bonifico parlante

Detrazioni fiscali: il bonifico parlante

L’installazione di impianti di allarme e videosorveglianza per la casa rientra nella tipologia di lavori per i quali è possibile ottenere una detrazione fiscale al 50%

Detrazioni fiscali per impianti antifurto

Bonus ristrutturazioni edilizie: come si compila il bonifico parlante, fac-simile e regole di pagamento per ottenere la detrazione IRPEF

Per accedere alle agevolazioni è necessario effettuare il pagamento tramite bonifico parlante, cioè un bonifico contenente alcuni dati aggiuntivi, dal codice fiscale del soggetto beneficiario al codice fiscale o partita IVA della ditta che esegue i lavori.

In questo articolo vediamo come compilare il bonifico parlante e poter ottenere le detrazioni fiscali.

Che cos’è nello specifico il bonifico parlante?

Si tratta di uno specifico bonifico che può essere fatto sia in banca o ufficio postale e tramite strumenti di Home Banking, per il quale devono essere inseriti dei dati specifici e una causale precisa.

Per effettuare un bonifico parlante è necessario che nella causale del bonifico siano presenti i seguenti elementi:

  • numero e data della fattura;
  • numero di partita IVA o codice fiscale della ditta/professionista che realizza i lavori.
  • riferimento alla normativa (articolo 16-bis del Dpr 917/1986);
  • nominativo e codice fiscale del beneficiario della detrazione.

Esempio di causale per il bonifico parlante

Possiamo di seguito fornirvi un esempio di causale per il bonifico parlante, che vi consentirà di avere a disposizione un modello in modo da non compiere errori.

  • Bonifico relativo a lavori edilizi che danno diritto alla detrazione prevista dall’articolo 16-bis D.P.R. 917 del 1986 (Detrazione 50%). Pagamento della fattura n. X, emessa da Y Partita IVA XXXXXXXXXXXX, in data X/Y/XXXX. Beneficiario della detrazione XXXXXXXXXXXXXX Codice fiscale XXXXXXXXXXXXXXXX

Causale Bonifico parlante

Anche se si tratta di poche e necessarie informazioni, è necessario prestare la massima attenzione non solo al riferimento legislativo, ma anche al numero di fattura, a chi l’ha emessa e in che data è stata emessa.

Il contribuente deve poi conservare la ricevuta del bonifico e tutte le ricevute fiscali relative alle spese di ristrutturazione sostenute, per poterle esibire in caso di controlli e verifiche del Fisco.

Come ottenere la detrazione fiscale?

La detrazione si ottiene indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi tramite modello 730 o modello Unico persone fisiche e fornendo come documentazione fiscale la ricevuta del bonifico, le fatture o le ricevute fiscali relative alle spese effettuate per la realizzazione dei lavori, il documento di addebito sul conto corrente.

E’ possibile ottenere un finanziamento agevolato insieme alle detrazioni fiscali?

Oltre alle detrazioni fiscali esiste la possibilità di ottenere un finanziamento in comode rate a tasso zero tramite istituto finanziario nostro partner; in questo caso la nostra Azienda si occuperà gratuitamente della pratica di finanziamento.

Protezione casa

Richiedi un preventivo gratuito

Chiamaci per un sopralluogo gratuito e senza impegno al 347 568 96 59 per valutare insieme a te la soluzione più adatta alle tue esigenze.